Concorso di Narrativa “il Ponticello” edizione 2022

Terza edizione Concorso di narrativa il Ponticello 2022 promosso da Agriturismo il Ponticello in collaborazione con il Comune di Vaiano, la Fondazione Cdse e la Biblioteca Lazzerini di Prato.

 

Saperi e sapori della tavola
Il cibo buono da mangiare e da pensare

 

BANDO

Il rito del cibarsi è un momento determinante nella vita dell’uomo. Come quello di nascere e morire, è al centro delle relazioni con gli altri esseri umani e ha a che fare con l’amore, con l’amicizia, con la felicità, ma anche con il dolore e con i ricordi. Il cibo è anche segno di civiltà e di socialità in ogni epoca e in ogni
luogo del mondo. È segno di appartenenza ad un popolo, d’identità delle proprie radici, ma è anche frutto di scambi di genti, di culture, di tradizioni. È troppo spesso confine tra la  sovrabbondante opulenza e la grave carenza.

L’argomento di quest’anno si presta a molte declinazioni: chi desidera cimentarsi può scegliere uno dei tanti aspetti legati al cibo, attingendo ad esperienze personali passate e presenti, ad appunti di viaggi legati alla scoperta di usi e tradizioni culinarie, a momenti vissuti a fianco di chi il cibo non ce l’ha, ad emozioni suscitate dai profumi della cucina, a modi alternativi di consumare il cibo, come lo street food, a degustazioni di bevande e cibi.

A piè di pagina suggeriamo anche una bibliografia, che non è assolutamente esaustiva, ma che può suscitare idee e ricordi, nella consapevolezza che lo scrivere bene viene dopo il leggere bene.

Allora, buon lavoro.

 

REGOLAMENTO

(Si prega di prendere visione del regolamento in tutte le sue parti)

Art. 1 La finalità del concorso è quello di incentivare il piacere di scrivere e realizzare un evento culturale con scadenza annuale.

Art. 2 II concorso internazionale è rivolto a residenti in Italia o all’estero di età superiore ai 18 anni.

Art. 3 I concorrenti sono invitati a produrre un racconto originale e inedito scritto in lingua italiana e mai pubblicato prima che ruoti attorno al tema del valore del cibo.

Art. 4 L’elaborato dovrà rispettare la soglia massima dei 8000 caratteri (4 cartelle di dimensioni standard) e non dovrà recare, pena l’esclusione, il nome dell’autore o altro riferimento che ne consenta il riconoscimento. È obbligatorio apporre un titolo.

Art. 5 L’elaborato dovrà pervenire in formato pdf alla segreteria dell’agriturismo il Ponticello via e-mail all’indirizzo: info@agrifabio.com entro e non oltre il 30 aprile 2022. A tal proposito farà fede la data di consegna dell’elaborato. I testi pervenuti successivamente non saranno presi in considerazione. In allegato, ma non nello stesso pdf dell’elaborato, dovranno essere lasciate le generalità del concorrente: nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero telefonico, e-mail. L’agriturismo il Ponticello, quale organizzatore del Concorso, si fa garante che la giuria valuti gli elaborati senza conoscere il nome degli autori. Il giudizio della giuria sarà insindacabile.

Art. 6 A selezionare i quattro racconti finalisti sarà la Giuria tecnica, composta da Annalisa Marchi, docente e storica fondatrice della fondazione CDSE; Maria Rosaria Colagrossi, responsabile del coordinamento raccolte e catalogazione della Biblioteca Lazzerini e del coordinamento del Sistema bibliotecario provinciale pratese; Massimo Resti, Direttore del Dipartimento Pediatria dell’Ospedale
Meyer; Maria Grazia Rabiolo, giornalista ticinese; Urs Voegeli, direttore della Biblioteca Cantonale di Mendrisio (Svizzera).

Art. 7 I vincitori saranno informati direttamente tramite mail ed il loro nome, insieme alla data della premiazione, verranno pubblicati sul sito dell’agriturismo, su stampa e altri media (blog, Facebook ed
Instagram). La premiazione avverrà presso l’Agriturismo il Ponticello sabato 24 e domenica 25 settembre 2022 nell’ambito di un evento e, oltre ai premi qui di seguito indicati, i vincitori potranno soggiornare con un accompagnatore la notte stessa della premiazione.

 

PREMI

1° premio: Soggiorno per 2 persone di 1 notte in Agriturismo con colazione e cena.

2° premio Soggiorno per 2 persone di 1 notte in Agriturismo con colazione e apericena.

3° premio Soggiorno per 2 persone di 1 notte con prima colazione e late check out.

4° premio: cesto contenente prodotti della gastronomia locale.

Ai vincitori dei soggiorni sarà data facoltà di decidere se restare dopo la premiazione presso l’agriturismo e spendere il proprio bonus oppure scegliere di fruire del premio in altra data da concordare, prima della fine dell’anno solare.
Art. 9 Ai sensi del DL 196/2003 l’organizzazione dichiara che il trattamento dei dati dei partecipanti è finalizzato unicamente alla gestione del concorso. Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al Concorso, cedono il diritto di pubblicazione (in caso di vincita) sul sito internet e su pubblicazione cartacea.
Art. 10 La Segreteria, alla quale potranno essere richieste informazioni, è istituita presso l’Agriturismo Il Ponticello, promotore dell’iniziativa, e può essere contattata tramite mail: info@agrifabio.com o per telefono al +39 3334642997.

 

Art. 11 Date da Ricordare:

  • Dalla data della pubblicazione del bando al 30 aprile: consegna elaborati alla segreteria dell’Agriturismo il Ponticello.
  • Mese di giugno: la giuria si riunisce e decreta i vincitori.
  • 24 e 25 settembre 2022: evento con cena e premiazione dei quattro migliori elaborati.

 

BIBLIOGRAFIA

Marcel Proust, Dalla parte di Swann, primo libro di Alla ricerca del tempo perduto, 1913-1927. Traduzione in italiano consigliata: di Giovanni Raboni, Meridiani Mondadori, 1983. Descrizione della “madeleine”.
(Ritrovare un sapore rievoca sentimenti ed emozioni dei tempi passati).

Grazia Deledda, Un po’ a tutti, racconto, in Chiaroscuro, Treves, 1921, anche in Internet. (Il cibo visto come rivalsa e coesione sociale).

Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo, Feltrinelli, 1958. Descrizione del banchetto per l’apertura annuale di palazzo Donnafugata. (Gusto del cibo e gusto dei piaceri amorosi. il cibo come opulenza
caratteristica della classe nobile).

Karen Blixen, Il pranzo di Babette, 1950, in Capricci del destino, Traduzione di Paola Ojetti, Feltrinelli, 1962.(Il cibo come espressione dei sentimenti di gratitudine. Contrasto tra la sobrietà della vita e la sontuosità del banchetto).

Italo Calvino, Marcovaldo al supermarket, racconto, in Marcolvaldo ovvero Le stagioni della città, Einaudi, 1963. (Rapporto tra cibo e consumismo).

Italo Calvino, Il museo dei formaggi, racconto, in Palomar, Einaudi, 1983. (Il cibo come rappresentazione semantica e come scoperta del mondo produttivo che dà origine al cibo stesso).

Marco Malvaldi, Odore di chiuso e Il borghese Pellegrino, Sellerio 2011 e 2020. (Esempio di come, in questo caso, lo scrittore utilizzi il cibo e un personaggio come Pellegrino Artusi per dipanare la trama).

Enzo Bianchi, Il pane di ieri, Einaudi, 2008. (Meditazione sulla vita attraverso il valore del cibo, alla riscoperta del tempo che fu).

Ferdinando Scianna, Ti mangio con gli occhi, Contrasto, 2013. (Libro sul mangiare e sul ruolo fondamentale che il cibo ha nella memoria in rapporto alla fotografia).

Edith Bruck, Il pane perduto, La nave di Teseo, 2021. (Assenza di cibo come assenza di rapporti sociali. La necessità di reperire cibo fa riaffiorare atteggiamenti animaleschi).

 

ALTRI TITOLI

Pellegrino Artusi, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, Tipografia Salvatore Landi, 1881.
Francesca Rigotti, La filosofia in cucina. Piccola critica della ragion culinaria, Il Mulino, 1999 e 2002.
Gian Mario Anselmi, Gino Ruozzi (a cura di), Banchetti letterari. Cibi, pietanze e ricette nella letteratura da Dante a Camilleri, Carocci, 2011 e 2017
Michael Pollan, Cotto, Traduzione di I.C. Blum, Adelphi, 2014.
Luca Clerici, Guadagnarsi il pane, Luni Editrice, 2021